Italiani sempre più belli!

bellezzaOttime notizie dall’ultima ricerca Eurispes sulla spesa per la bellezza degli italiani nel 2013.

Pronti a tutto per stare in forma e avere un bel corpo. Nonostante la crisi, infatti, gli italiani non rinunciano a frequentare centri estetici, centri benessere e palestre. Quasi 11 milioni di italiani spendono, o si dichiarano pronti a spendere, fino a 1.200 euro l’anno, per prodotti e servizi per il benessere fisico e l’andamento del settore nel 2013 è stato positivo.

Ancora una volta i dati ci confermano che, per la cura del proprio corpo, gli italiani spendono e pure tanto.

Molto interessante anche il risultato di un’indagine condotta dal sito prestiti.it secondo cui, ogni mese, mille italiani chiedono un finanziamento per pagarsi un trattamento estetico. E pensare che, ancora oggi, c’è chi sceglie di non offrire questa possibilità alle proprie clienti.

Continua a leggere

7 cose che avresti voluto sapere PRIMA di aprire il tuo centro estetico

Raccogliendo le storie ed i racconti delle estetiste che incontro, ho voluto riassumere sette cose che, ogni imprenditrice, avrebbe voluto sapere prima di avviare la propria attività.

Sappi che sarà sempre più difficile, (è per questo che si chiama impresa!)

Messa così, non è una prospettiva motivante. Mi rendo conto tuttavia che, per molte imprenditrici, l’aspettativa iniziale quando avviano la loro attività è più o meno questa: “All’inizio sarà impegnativo, lavorerò tanto (e guadagnerò poco) ma poi, presto o tardi, arriverà un momento di tranquillità, benessere e spensieratezza in cui tutto andrà come deve andare“. Peccato che non succeda così! Problemi, difficoltà e nuove sfide, ci saranno sempre, meglio saperlo da subito. Ovviamente se, dopo dieci anni, hai gli stessi problemi del primo anno, c’è qualcosa che non va.

Rimani focalizzata su poche priorità.

Le attività da portare avanti sono molteplici, i progetti e le opportunità anche. Meglio decidere di focalizzarsi su poche cose alla volta, dedicare il massimo dell’attenzione ad alcune priorità specifiche e non trascurarle fino a quando sono ok.
Continua a leggere

Coinvolgere lo staff nei corsi di formazione

claudio campironiCoinvolgere il proprio staff nei corsi di formazione, specialmente se organizzati in giornate non lavorative, solleva alcune questioni:

  • la giornata, deve essere retribuita? Come straordinario?
  • e le spese di trasferta come hotel, pranzi e viaggi?
  • e, infine, come devo regolarmi nel caso in cui una collaboratrice si rifiutasse di partecipare? (o si ammalasse casualmente proprio nei week-end di corso?)

Non è possibile dare una risposta corretta a tutte queste domande, senza chiarire prima alcune premesse fondamentali in merito ai corsi di formazione professionale.

Mi riferisco a premesse mentali, più legate al tuo modo di intendere il rapporto personale e professionale con le tue collaboratrici. Per quanto riguarda le regole ufficiali esiste una normativa precisa, prevista dal contratto nazionale collettivo: il tuo consulente del lavoro saprà fornirti tutte le informazioni in merito (ma saranno in parte contrarie a quanto scrivo in questo articolo).  Continua a leggere

Il paradosso di avere più cabine che operatrici

Se tu vivessi da sola, compreresti una casa con quattro camere da letto?

E cosa penseresti di un single che, come mezzo di trasporto, scegliesse un pulmino con nove posti anche se lo utilizza sempre da solo?

Ovviamente i gusti sono gusti: se ti piace avere una casa grande o una macchina spaziosa, non serve per forza avere una famiglia numerosa. Tuttavia una casa o una macchina sovradimensionate, rispetto alle esigenze, comportano dei costi (di acquisto e di gestione) più alti, le dimensioni maggiorate rappresentano quindi un lusso che ci si concede.

Molte estetiste, quando hanno aperto il loro centro estetico, si sono concesse un lusso simile senza, però, esserne consapevoli. 
Continua a leggere

Perché Lyoness non è una buona pubblicità per il centro estetico

lyonessMolte clienti mi chiedono cosa ne penso di Lyoness, come strumento di promozione del centro estetico. Rispondo in questo articolo, in cui argomento due opinioni personali:

1. Lyoness è, potenzialmente, uno strumento utile per il consumatore.

2. Lyoness non è adatto per promuovere il centro estetico e per acquisire nuovi clienti.

Ti anticipo che questo articolo è piuttosto lungo e ci sono anche diversi numeri: se preferisci le soluzioni facili e miracolose promesse da qualche guru del marketing, dalla tua casa cosmetica o dal motivatore di turno, NON continuare a leggere.
Continua a leggere

Buon Natale e auguri per un 2014 ricco di benessere

Cara estetista, in questo giorno speciale voglio condividere con te un testo speciale.
E’ stato scritto da Marianne Williamson, contiene un messaggio potente, da prendere come le vitamine: tutti i giorni!

Stampalo, appendilo dove tu possa vederlo tutti i giorni, rileggilo spesso e fai brillare sempre la tua luce.

Buon Natale!

 

La nostra paura più profonda
non è di essere inadeguati.

La nostra paura più profonda,
è di essere potenti oltre ogni limite.

È la nostra luce, non la nostra ombra,
a spaventarci di più.

Ci domandiamo: ” Chi sono io per essere brillante, pieno di talento, favoloso? ”
In realtà chi sei tu per Non esserlo?

Siamo figli di Dio.

Il nostro giocare in piccolo,
non serve al mondo.

Non c’è nulla di illuminato
nello sminuire se stessi cosicchè gli altri
non si sentano insicuri intorno a noi.

Siamo tutti nati per risplendere,
come fanno i bambini.

Siamo nati per rendere manifesta
la gloria di Dio che è dentro di noi.

Non solo in alcuni di noi:
è in ognuno di noi.

E quando permettiamo alla nostra luce
di risplendere, inconsapevolmente diamo
agli altri la possibilità di fare lo stesso.

E quando ci liberiamo dalle nostre paure,
la nostra presenza
automaticamente libera gli altri.

Perché il farmacista vende più cosmetici di un’estetista

crema-viso-fai-da-teMale i centri estetici (in generale, non i nostri, ovviamente ;-)) e le profumerie. Riprendono invece farmacie ed erboristerie.

E’ quanto emerge dalle rilevazioni di Cosmestica Italia, nel secondo semestre del 2013. La previsione per il 2014, per i centri estetici, è ancora negativa e prevede un -5%.

Ho già scritto qui che esistono parecchie eccezioni. Ma, se in molti centro estetici non hanno ancora capito come si fa a vendere cosmetici anche in periodi di crisi, farmacisti ed erboristi sono invece riusciti ad invertire la tendenza negativa, raggiungendo rispettivamente un +1% e un +2%.
Continua a leggere

Chiederesti consigli finanziari al tuo salumiere?

Chiederesti consigli finanziari al tuo salumiere?Fornitore estetica

Probabilmente, “no” sarebbe la risposta della maggior parte delle lettrici.

Eppure, anche se di mestiere affetta salumi, magari il tuo macellaio ha un’attività in proprio, la gestisce con successo, da tanti anni, ha molti clienti affezionati. Quindi saprebbe dirti come fare per averne così tanti anche tu.
Oltre a questo, ovviamente, potrebbe anche insegnarti come si fa la programmazione finanziaria di una piccola azienda.

Quindi, a voler ben vedere, anche il salumiere, se è un piccolo imprenditore, potrebbe darti dei buoni consigli su come gestire il tuo centro estetico, giusto?!

NO, SBAGLIATO!
anzi, sbagliatissimo, eppure moltissime estetiste “ci cascano” regolarmente e affidano le proprie scelte strategiche… al salumiere, o quasi.

Mi spiego meglio.  Continua a leggere

Natale, Regali e Branding: un’occasione sprecata

christmas-gift-cardFinalmente siamo a dicembre, il mese migliore per vendere alle tue clienti tanti regali di Natale: prodotti, trattamenti e, ovviamente, Gift Card!
(A proposito, hai stabilito un obiettivo preciso, in euro, di quanto vuoi incassare dalla vendita dei regali?)

L’istituto è addobbato a festa, la radio trasmette solo musiche natalizie, tutte le operatrici emanano una travolgente serenità che coinvolge le tue clienti e le spinge a moltiplicare i loro acquisti e, anche tu vivi, già da ora, la vera gioia del Natale.

Tuttavia, proprio in queste occasioni, si ripete ogni anno un errore tanto frequente quanto grave. Molte estetiste, ancora oggi, utilizzano dei bellissimo biglietti regalo, con tanto di spazi per descrivere il trattamento o inserire il nome di chi li acquista e di chi li riceve, magari accompagnati da una bella busta o un sacchettino elegante, il tutto fornito dalla casa cosmetica che, ovviamente, mette il proprio logo ben evidente su busta, biglietto e sacchetto.
Continua a leggere

Vuoi Pagare meno Tasse?

Programma le tue spese, gestisci tu il carico fiscale.tasse centro estetico
La pressione fiscale è in continuo aumento e le spese di gestione di un centro estetico sono tante, anzi, tantissime!
Spesso chi sta al timone di un centro cerca di navigare a vista nei mesi più difficili dell’anno.
Settembre, ottobre e novembre sono caratterizzati da un fisiologico calo degli appuntamenti e delle entrate.
L’ultimo quadrimestre dell’anno, inoltre, vede concentrarsi alcuni fattori che, sommandosi, creano la “tempesta perfetta“.
A novembre, infatti, cadono importanti scadenze fiscali che aumentano il volume delle spese del centro proprio in un periodo in cui, solitamente, è più difficile realizzare incassi importanti.

Le tasse che paghi oggi sono il risultato dei redditi dello scorso anno!

Avevi previsto queste uscite? e, soprattutto, stai programmando le tasse che pagherai nel 2014?
Questo è il periodo dell’anno in cui, col supporto del tuo commercialista, è necessario fare una valutazione precisa dei redditi maturati fino ad oggi; fai una previsione della chiusura di questo anno e, di conseguenza, una stima del carico fiscale del prossimo anno.

Se vuoi pagare meno tasse puoi anticipare, entro la fine di dicembre, alcuni investimenti.

Se investi in formazione, ad esempio, scarichi L’INTERO IMPORTO SPESO e abbatti il reddito imponibile.

Inoltre una formazione specializzata ti permette di rendere più produttivo il tuo staff, la tua azienda e te stessa. In questo modo ottieni due grandi vantaggi:
- paghi meno tasse
- aumenti gli incassi del tuo centro estetico.