Vuoi lavorare con me?

In linea con il progetto di sviluppo (ambizioso e bellissimo!) di INCREMENTHA è giunto il momento di ampliare la squadra di consulenti e coach anche nella mia area.

Fin dall’inizio abbiamo voluto creare tutte le condizioni e le caratteristiche che noi, a nostra volta, avremmo voluto trovare nelle aziende con cui abbiamo collaborato in passato come formatori e consulenti; questo ci ha permesso di costruire una squadra bella, affiatata e produttiva che si sta espandendo sempre di più.

Dopo gli ultimi inserimenti in Toscana, Lombardia e Piemonte la ricerca è aperta anche in Veneto!

Per sapere se sei la persona giusta per questo ruolo ecco il link all’annuncio:

Selezione Coach Incrementha

 

 

 

Conosci realmente chi ti porti in (casa) azienda?

doubt_diceAssumere una collaboratrice, per certi aspetti, è un po’ come sposarla.

Mi spiego:

- il tempo passato in ambiente lavorativo è spesso molto maggiore (o uguale) rispetto a quello speso altrove, inclusa la propria casa. Di conseguenza succede che passi più tempo con le tue collaboratrici piuttosto che con tu marito! soprattutto in alcuni periodi dell’anno (come questo).

-stando alle forme contrattuali disponibili quando assumi una collaboratrice a tempo indeterminato sarà  molto difficile, lungo e oneroso risolvere il contratto qualora le cose non andassero come ti eri immaginata.

- alcune collaboratrici si trasformano, quasi fossero delle moderne versioni del Dr Jekyll e Mr Hide, da attente e premurose aiutanti a esigenti e rigide stipendiate! solitamente la trasformazione avviene immediatamente dopo la fatidica firma per il tempo indeterminato ;-)

Molti degli errori (e degli orrori) fatti con il proprio staff potevano tuttavia essere evitati a monte non inserendo quella persona nel proprio organico. Peccato che, almeno all’inizio, si presentino tutte bene!

e allora, come fare?

Continue reading

Il tuo comportamento come leva per il cambiamento

Ipotizziamo che tu abbia dei collaboratori… (o dei familiari/amici/conoscenti ecc. ecc.)
Immagina di voler ottenere qualcosa da loro, magari vuoi che siano più produttivi mentre lavorano, oppure desideri che arrivino puntuali alle riunioni, oppure ancora vorresti che fossero completamente sinceri e trasparenti nei tuoi confronti.
Adesso immagina di non poter parlare con loro, non puoi nemmeno scrivere, borbottare, fare allusioni o lanciare occhiatacce ;-) cosa ti resta?
Il tuo comportamento.
Tutto quello che puoi fare per ottenere da loro un comportamento diverso è adottarlo tu stesso; mostrarlo, mantenerlo nel tempo e quindi pretenderlo.
Vuoi collaboratori più efficaci? Diventa più efficace!
Pretendi la puntualità? Sii sempre puntuale!
Apprezzi la sincerità? Va da loro racconta qualcosa di te, qualcosa di personale.
Quando le cose non vanno come vorremmo si sprecano energie in lamentele alla macchina del caffé; i comportamenti altrui diventano alibi per giustificare i propri peccatucci; fiumi di parole vengono, scritte, urlate, masticate o sibilate per ottenere comportamenti differenti.
Eppure nulla vale quanto una coerente, palese ed evidente dimostrazione di ciò che vuoi ottenere. Hai a disposizione uno tra gli strumenti educativi più efficaci: il tuo comportamento.
Le persone si educano; puoi ottenere risposte (verbali, emozionali, comportamentali) diverse da chi ti sta attorno.
Decidi cosa vuoi ottenere e inizia a comportarti tu in quel modo.
Se vuoi essere efficace “esempio” e “coerenza” devono diventare le tue parole chiave; poi il resto vien da sé: ciascuno di noi tende a stare con le persone che stima/apprezza e, in un modo o nell’altro, ad imitarne i comportamenti (e poi le convinzioni, i valori ecc. ecc.).
Quindi, la prossima volta che vuoi ottenere qualcosa da qualcuno parti subito da ciò che funziona prima: il tuo comportamento.

PNL è libertà PNL è libertà
Questo libro contiene idee che possono trasformare la tua vita
Richard BandlerCompralo ora!